La camomilla: conosciamola meglio
Pin It Email

La camomilla: conosciamola meglio

Avete visto come è facile fare uno shampoo alla camomilla, ora vogliamo regalarvi qualche informazione su questa pianta, molto diffusa e dalle proprietà così speciali.

La camomilla è una pianta aromatica erbacea. Ne esistono moltissime specie,  simili tra loro, ma le più utilizzate sono la  comune (Matricaria chamomilla L.) e la  romana (Chamaemelum nobile = Anthemis nobilis ). La prima è annuale, con fusto eretto ramoso, alto fino a 40 cm, fiori ligulati bianchi e  tubulosi gialli.  L’altra (detta inglese o nobile)  la si riconosce dal fusto più  ramificato,  le foglie alterne  appuntite, brevi e sottili e i  fiori più grandi con capolini, doppi, di colore bianco  portati da lunghi peduncoli.  Anch’essa può raggiungere un altezza di circa 30/40 cm.

Ambedue i  generi sono fortemente aromatici, maggiormente la romana, dal profumo simile alla mela. Sotto l’aspetto fitoterapico offrono sostanzialmente le stesse prestazioni. L’uso della camomilla è arcinoto e amplissime sono le sua applicazioni, sedative e curative e per gli oli essenziali, di maggior resa nella romana. La  coltivazione è estremamente semplice e richiede  pochi accorgimenti. Predilige una altitudine inferiore ai 600 metri sul mare.

Sapevi che?  Le notizie più antiche giungono dalla mummia del faraone Ramsete II, su cui sono stati trovati pollini di camomilla. Il nome è di origine greca composta da χαμαί “a terra” e μῆλον “mela” (mela nana, per l’odore dei fiori), che i Romani adattarono in chamomilla. Fra i tanti usi tramandati nei secoli è curiosa la notizia di fiori essiccati per integrare o sostituire il tabacco da pipa. Nel linguaggio dei fiori corrisponde alla robustezza e alla calma.

 

Le ricette con la camomilla le trovi sul nostro libro: Cosmetici Naturali